venerdì 3 febbraio 2023 ore 15.04

VÒ ON THE FOLKS

MUSICAVÒ ON THE FOLKS

KHAYAL

Sabato 25 marzo 2023, ore 21:00PRENOTA - ACQUISTA

La Sala della Comunità e FramEvolution presentano la XXVII rassegna di World Music 2023

KHAYAL

(Tunisia/India/Svizzera)
 
Un sogno musicale di grande sensualità
 
Khayal (immaginazione in arabo) è un sogno di grande sensualità. La magnifica voce di Raphaëlle Brochet blandisce il violino di Baiju Bhatt, il tutto supportato da Amine Mraihi all'Oud e Shayan Fathi alle percussioni. L'espressività non ha limiti, la geografia è sublimata in una trance estatica quasi sufi. E’ la rappresentazione di un mondo di complicità intima, sottile e tenera
 
Amine Mraihi è considerato la voce contemporanea e il volto della musica araba ed è diventato un simbolo universale di intercultura. Ha suonato in tutti i più importanti teatri del mondo arabo come il Medina Theatre in Beirut e l’Opera House del Cairo e in quelli del mondo ”occidentale”: dal Kennedy Center a Washington al Cully Jazz Festival, al festival di Montreux.
Il viaggio senza fine di Raphaelle Brochet nel mondo delle arti dello spettacolo e della musica globali l'ha portata a diventare un'artista davvero potente e stimolante. La sua versatilità e dedizione all'apprendimento hanno contribuito al suo suono unico. 
Il jazz era davvero la sua lingua madre. Raphaëlle è nata da genitori musicisti e ha iniziato la sua carriera all'età di 17 anni registrando un album con Floris Nico-Bunink (Mingus, Billy Holliday) sotto l'etichetta Daybreak. Dopo aver studiato jazz nei conservatori francesi, ha trascorso un anno a Montreal e un altro a New York City, per esplorare le pratiche esecutive nordamericane e scrivere musica. 
Baiju Bhatt ha scoperto il violino all'età di sei anni e ha completato gli studi di musica classica al Conservatorio di Losanna fino all'età di 20 anni. Appassionato di vari orizzonti musicali, si specializza in jazz e world music, e ottiene il suo Master (Jazz) con un premio di eccellenza dalla Haute École de Musique di Losanna nel 2014. Stabilitosi a Parigi per favorire gli scambi tra la sua nativa Romandia e la capitale dello swing gitano, da allora ha girato il mondo con il suo progetto originale "Red Sun" (il cui ultimo album, Eastern Sonata , è timbrato "HIT" Couleurs Jazz), i virtuosi fratelli tunisini Amine & Hamza Mraihi - The Band Beyond Borders, in un contesto gypsy jazz (Gypsy Jazz Sessions, Tcha-Badjo, Gypsy Galaxy, ecc.) o come artista ospite.
Shayan Fathi, nato nel 1985 a Teheran in Iran, ha iniziato a suonare la batteria/percussioni all'età di 10 anni in Austria, dove ha rapidamente creato un modo di suonare abile ed è diventato un membro importante nella scena musicale. Principalmente influenzato dalla musica latino-americana, ha iniziato a studiare Jazz Drums al Conservatorio di Vienna all'età di 16 anni. Più volte dal 2001 al 2003 Shayan Fathi ha vinto premi, come la borsa di studio per il Drummer's Collective New York, presso Austrian/German/ Concorsi di tamburi svizzeri. A 27 anni, Shayan Fathi è un musicista affermato e attualmente vive a Berlino. I suoi successi nella carriera fino ad oggi includono più di 50 registrazioni di cd.
 
Formazione:
Amine Mraihi: oud
Raphaëlle Brochet: voce
Baiju Bhatt: violino
Shayan Fathi: percussioni
Condividi

Prenotazioni

Prenotazioni con pagamento on-line mediante Paypal o Satispay
Biglietto intero: 15.00 €
Biglietto ridotto per Soci Sala: 14.00 €
Prenotazioni senza pagamento on-line
Biglietto intero: 15.00 €
Biglietto ridotto per Soci Sala: 14.00 €