venerdì 17 novembre 2017 ore 18.42

VÒ ON THE FOLKS

MUSICAVÒ ON THE FOLKS

SÖNDÖRGŐ (UNGHERIA)

Sabato 15 febbraio 2014, ore 21:00
(evento non prenotabile: è scaduto il termine per le prenotazioni)

La Sala della Comunità e FramEvolution - World Music presentano la XIX rassegna di World Music 2014

SÖNDÖRGŐ (UNGHERIA)

I virtuosi della tamburitza, il grande fenomeno della musica ungherese

Söndörgő, guidato dai fratelli Eredics, è uno dei gruppi di musica Ungherese più interessante e attivo del mondo. Suonano uno stile di musica che è estremamente attraente, poco conosciuta e molto diversa da quella tradizionale Una caratteristica del gruppo è che tutti suonano la tamburitza, nelle diverse forme dello strumento simili al mandolino , mandola, chitarra, contrabbasso e che si suona con agili pizzicate e talvolta accompagnate dalla fisarmonica o da strumenti a fiato.
"I Söndörgő stanno dimostrando di essere una delle band più versatili e interessanti d'Europa." - Simon Broughton, Songlines Magazine.
"I Söndörgő suonano come una band di classe" - Robin Denselow, The Guardian.
"La tamburitza è uno strumento simile al con una vasta gamma espressiva, e grazie ai Söndörgő raggiunge una nuova popolarità " - Michael Chiesa, Indipendent.
 "Il loro CD li mostra il loro grande talento, alternando balli veloci con canti lenti e malinconici." - The Scotsman.
Per scoprire le vere radici della musica ungherese, bisogna partire da due personaggi, Bela Bartok e Zoltan Kodaly. Due musicisti, nati a fine ’800, autori di una sistematica ricerca filologica, che ha permesso di cogliere la naturale essenza della cultura musicale magiara. La storia delle steppe ungheresi volge il proprio sguardo sempre più a Est, verso la Mongolia ed i suoi canti gutturali, distaccandosi, di fatto, dal grande ceppo della musica balcanica. Oggi, il grande fenomeno della musica ungherese sono i Söndörgő.
Un nome dal timbro scandinavo, che rimbomba prepotente nei grandi teatri dell’Europa più lontana. A risuonare però, non sono le grancasse, le trombe e i tromboni delle più note brass band, ma un insieme di chitarrine, pescate qua e là, alle estremità del globo. Lo strumento più rappresentativo dei Söndörgő è certamente la tamburitza, antichissimo strumento balcanico a corde, di origine turco-persiana e dalle molteplici varianti. Ogni membro dei Söndörgő suona la sua tamburitza, in ogni sua forma e dimensione. Quello che può sembrare un sirtaki d’Ungheria o una serenata napoletana al mandolino, cambia radicalmente rotta grazie all’improvviso inserimento di sassofono, clarinetto e fisarmonica.
Difficile dire chi siano veramente i Söndörgő. Le tante, tantissime collaborazione con artisti d’ogni genere e paese, sembrano voler confondere la formazione ufficiale. Nonostante le grandi differenze con la musica popolare balcanica delle fanfare, questo quintetto ungherese si sente figlio di quelle terre, tanto da intitolare il loro ultimo album “Tamburising: the lost music of the Balkans”. Qualcosa di più di un semplice omaggio, segnato dall’utilizzo delle trombe di “Cigancica” e dall’arrangiamento della celebre “Opa Cupa“. I Söndörgő hanno intrapreso una via difficile, ricercata, ma consapevoli dei propri rischi, continuano a riempire le sale di un nostalgico impero austro-ungarico.

Áron Eredics (tambura, tenor tambura, derbuka, tapan)
Attila Buzás (bass tambura, vocals)
Benjámin Eredics (kontra tambura, trumpet)
Dávid Eredics (tambura, alt tambura, kaval, clarinet, saxophone)
Salamon Eredics (accordion, flute, alt tambura)

La sera dello spettacolo saranno posti in vendita anche i biglietti per gli altri spettacoli: in particolare saranno disponibili i biglietti per il grande concerto “Universi Diversi” MAURIZIO CAMARDI incontra ANTONELLA RUGGIERO che la Sala tiene riservati agli amici di Vo' on the Folks. 

Segui la Sala anche sulla pagina Facebook ( www.facebook.com/voinsala ) e clicca su "MI PIACE" così resterai collegato con la musica! 

Condividi

Prenotazioni con pagamento on-line o presso filiali Cassa Rurale di Brendola
Biglietto intero: 14.00 €
Prenotazioni senza pagamento on-line
Biglietto intero: 15.00 €
Non sono previste riduzioni sui prezzi dei biglietti.