lunedì 22 ottobre 2018 ore 22.55

TEATRO

TEATRO

HAI MUTATO IL MIO LAMENTO IN DANZA

Venerdì 25 gennaio 2008, ore 20:30
(evento non prenotabile: è scaduto il termine per le prenotazioni)

Sabato 26 gennaio 2008, ore 09:30
(evento non prenotabile: è scaduto il termine per le prenotazioni)

HAI MUTATO IL MIO LAMENTO IN DANZA

HAI MUTATO IL MIO LAMENTO IN DANZA

GIORNATA DELLA MEMORIA presentato dai ragazzi della 3° Media G. Gallilei di Brendola (ingresso libero)

Si intitola “Hai mutato il mio lamento in danza” ed è lo spettacolo che i ragazzi della Scuola Media G.Galilei di Brendola porteranno in scena venerdì 25 gennaio 2008 in occasione della Giornata della Memoria, per ricordare, con l’intera comunità di Brendola, quale tragedia di sofferenza e morte ha accompagnato la Seconda Guerra Mondiale colpendo anche tanti italiani.

Sono gli stessi ragazzi che, per voce di Valentina Ongaro e Francesca Serena, ci raccontano come è nato lo spettacolo e ci invitano a condividere con loro questi tristi ricordi quale monito per il futuro.

 

 

 

“Le attività del laboratorio teatrale del venerdì sono iniziate lo scorso anno ma già nell’anno precedente è stato realizzato un breve spettacolo tenutosi nell’Aula Magna della scuola secondaria Galilei. Lo spettacolo dello scorso anno intitolato “…E se Colombo”, svoltosi presso la Sala della Comunità di Vò il 9 giugno si è rivelato un grande successo, perciò si è pensato di ripetere l’esperienza anche quest’anno, per riflettere con lo spettacolo “Hai mutato il mio lamento in danza”, titolo tratto da un Salmo della Bibbia, sul temma dell’Olocausto. Questo lavoro è stato scelto da noi ragazzi assieme agli insegnanti per ricordare i terribili fatti accaduti nei campi di concentramento durante la Seconda Guerra mondiale. Nella stesura della sceneggiatura ci siamo ispirati oltre al film di Roberto Benigni “La vita è bella” anche al film “jona che visse nella balena”.

Nello spettacolo ci sono inoltre parti cantate e ballate inerenti alla cultura ebraica.

Nelle scene recitate, modificate per renderle più facili ma allo stesso tempo uniche, si è cercato di rappresentare non tanto la parte del film dove i protagonisti conducono una vita normale e felice, ma piuttosto si è voluto sottolineare il tema delle deportazioni e della vita nei campi di concentramento.

Nello spettacolo abbiamo cercato di riportare quell’atteggiamento ironico che anche Benigni usa nel suo film per nascondere la crudele realtà al figlio.

Un altrettanto importante contributo ci è stato dato dalla sig.ra Antonella, sorella della prof.ssa Andrighetto, in quanto esperta di danze ebraiche. Con lei i ragazzi del gruppo di danza stanno preparando ben cinque diverse danze ispirate alla tradizionale popolazione ebraica.

I brani proposti dai ragazzi del laboratorio di canto vogliono essere un invito e una riflessione sulla pace e sulla convivenza tra gli uomini.

Si introdurranno anche brevi testi tratti dal diario e dalle lettere di Etty Hillesum, deportata e morta ad Auschwitz il 30 novembre 1943.

Con la speranza che lo spettacolo sia di vostro gradimento e di ripetere il grande successo dello scorso anno, vi ricordiamo che si svolgerà il 25 gennaio 2008 alle 20.30 alla Sala della Comunità di Vò.

Vi aspettiamo numerosi.”

 

 

 

Condividi

Si accettano solo prenotazioni con pagamento on-line o presso filiali Cassa Rurale di Brendola
Biglietto intero: 9.00 €
Biglietto ridotto per i ragazzi fino a 14 anni: 7.00 €