martedì 21 novembre 2017 ore 07.24

PORTA IL PAPÀ A TEATRO

TEATROPORTA IL PAPÀ A TEATRO

MIMI' E IL PANE

Domenica 25 ottobre 2009, ore 16:00
(evento non prenotabile: è scaduto il termine per le prenotazioni)

MIMI' E IL PANE

La Piccionaia – I Carrara - Teatro Stabile di Innovazione presenta

 

MIMI’ E IL PANE

 

Drammaturgia e regia Ketti Grunchi

Con Ketti Grunchi

Assistente alla regiaValentina Brusaferro

Scenografia e luci Yurij Pevere

 

«È pronto il pane? No...la terra deve riposare.                                                                         

È pronto il pane? La pioggia ha da bagnare.                                                                           

È pronto il pane? No...Il grano deve spuntare...»              

E via così, la farina da macinare, l’impasto da preparare, il tempo di lievitare, la cottura nel forno. Ed ecco filastrocche, suoni, odori, sapori, percezioni tattili, il  risultato di un'ampia sperimentazione con cui Ketti Grunchi  ha indagato il rapporto tra il bambino e il cibo. Lo spettacolo  traccia percorsi antichi che in qualche modo recuperano la semplicità e al contempo la ritualità di gesti che sembrano dimenticati. Mangiare significa senz’altro sopravvivere, ma a volersi fermare e riflettere, mangiare è molto più dell’infinito di una voce verbale. Piccola piccola in un mondo a misura di adulto, simboleggiato da un’enorme sedia posta al centro della scena, Mimì-Ketti Grunchi prende confidenza con l’attesa. Non più il rapporto immediato madre-neonato, che porta la prima a soddisfare nell’immediato le necessità del proprio bambino, bensì un viaggio nella scoperta e verso l’autonomia, per imparare “quanto ci vuole".
Uno spettacolo per raccontare il valore della terra e il rispetto per essa; il profumo del buon grano, l’odore della pioggia che disseta i campi e dell’aria pulita. E infine il pane, che pare l’essenza della semplicità perché fatto di elementi semplici, ma richiede anche pazienza. La pazienza di attendere che la natura compia il suo corso, seguendo tempi e cicli che fanno sbuffare i bambini, e non solo loro, ma aspettando s’impara ad aspettare.
Nell’attesa s’imprimono meglio i colori, nascono legami e affetti, si conversa e si litiga, si raccontano storie. Si vive. Una metafora racchiusa nel gigantesco pentolone adagiato sulla sedia: al suo interno forse riposa Mariconda, l’antica minestra fatta di pane e di latte che ogni bimbo al mondo ha assaggiato. Solo pane e latte, gli ingredienti più genuini, ma tante tappe prima della cottura a fuoco lento.

Condividi

Prenotazioni con pagamento on-line o presso filiali Cassa Rurale di Brendola
Biglietto intero: 5.00 €
Biglietto ridotto per i ragazzi fino ai 14 anni: 4.00 €
Prenotazioni senza pagamento on-line
Biglietto intero: 5.00 €
Biglietto ridotto per i ragazzi fino ai 14 anni: 4.00 €