venerdì 17 novembre 2017 ore 18.44

TEATRO E CABARET

TEATROTEATRO E CABARET

NON E' TUTT'EURO CIO' CHE LUCCICA

Sabato 7 marzo 2009, ore 21:00
(evento non prenotabile: è scaduto il termine per le prenotazioni)

NON E' TUTT'EURO CIO' CHE LUCCICA

23° rassegna di Teatro e Cabaret 2009

 Compagnia “BRAVI, BENE, BIS!” presenta “CLAUDIO LAURETTA” in

 NON E’ TUTT’EURO CIO’ CHE LUCCICA

 di Marcello Reale e Claudio Lauretta

 Dopo aver vinto nel ‘95 il “Premio del Pubblico” partecipando al Festival Nazionale del Cabaret debutta in tv a “Striscia la notizia” il famoso TG satirico di Canale 5, dove ha interpretato in modo  straordinariamente fedele i personaggi di Antonio Di Pietro e il famoso chef Gianfranco Vissani.; ma la galleria dei personaggi imitati da Claudio non si esaurisce qui, nella trasmissione “Una Volta al mese” duetta con Pippo Baudo imitando l’ex Presidente Scalfaro, diventa Platinette nella trasmissione “Libero” di Teo Mammuccari, affianca Renato Pozzetto rubandogli le sembianze a “Si, si è proprio lui” e ancora interpreta il famoso Fracchia recitando con Paolo Villaggio in un divertente sketch nei “ I raccomandati”.

 Il grande Piero Chiambretti lo vuole con se nella fortunata trasmissione Markette e al Dopo Festival di Sanremo del 2007, dove imita oltre a Di Pietro, Pino Daniele, Zucchero e Fabio Concato. Qui si becca pure una bella querela per diffamazione, insieme al conduttore e al regista, da Adriano Celentano che lo accusa di averlo imitato troppo bene e di aver quindi creato una certa confusione nel pubblico televisivo. La causa è stata archiviata perché i fatti non sussistono. 

 Di recente l’autore Gregorio Paolini lo ha voluto nel cast fisso di “Tintoria Show” 2008, in onda su Rai tre dove ha imitato Romano Prodi e ha lanciato le sue nuove imitazioni di Gianfranco Funari  e degli scrittori Giorgio Faletti e Federico Moccia.

 Nel 2006 e 2007 ha portato le sue innumerevoli imitazioni anche alla radio nel programma “Caffèlatte News” con Paolo Dini, Lester e Alfonso Signorini a Radio Monte Carlo e ha debuttato come attore nel film “Nero Bifamiliare” con Claudia Gerini e Luca Lionello per l’esordio alla regia di Federico Zampaglione leader dei Tiromancino.

 Da circa vent’anni gira l’Italia con i suoi One Man Show e l’artista piemontese riesce a calarsi con estrema facilità, nei panni di politici, attori e cantanti tanto da farli rivivere con personalissime caratterizzazioni, inventando e mettendo in atto la sua satira, ricca di battute ispirate alla loro filosofia di pensiero.

 Nel tempo dei tormentoni televisivi, dei personaggi dalla battuta ossessiva e dei travestimenti integrali, lui attinge alla consuetudine più classica e più solida del cabaret d’imitazioni, senza trasformismi (soltanto una toga, un berretto o un paio d’occhiali) mettendo in gioco: tanta voce, un’ottima presenza scenica e una mimica formidabile. Claudio è un imitatore moderno, non un “replicante” diviso in tanti surrogati, è un attore capace di giocare sulle parodie con battute e tempi da cabaret, ne da la prova con l’unico personaggio davvero inventato: l’esilarante Becchino “GIULIO RANTOLO” impresario di pompe funebri che riabilita se stesso e la sua categoria, cabaret puro tra humor nero e surrealtà.

 Lo spettacolo di Claudio Lauretta accompagnato ormai da diversi anni dal talentuoso chitarrista Sandro Picollo è molto apprezzato in locali di cabaret, teatri, feste di piazza, meetings e conventions, se si vuole trascorrere una serata spassosa, in allegria ed in compagnia di un talento in libertà con lui si fa senz’altro la scelta giusta.

Condividi

Prenotazioni con pagamento on-line o presso filiali Cassa Rurale di Brendola
Biglietto intero: 9.00 €
Biglietto ridotto per i ragazzi fino ai 14 anni: 7.00 €
Prenotazioni senza pagamento on-line
Biglietto intero: 9.00 €
Biglietto ridotto per i ragazzi fino ai 14 anni: 7.00 €
Abbonamento intero: 50.00 €
Abbonamento ridotto per soci Sala e ragazzi fino a 14 anni: 45.00 €